Carlotta Vagnoli nella seconda puntata di Maschiacci

Maschiacci con Carlotta Vagnoli

Carlotta Vagnoli nella seconda puntata di Maschiacci

Da oggi sulle principali piattaforme di streaming e podcast il secondo episodio di “Maschiacci”, con ospite l’attivista Carlotta Vagnoli

Torna oggi con il secondo episodio “MASCHIACCI – Per cosa lottano le donne oggi?”: il primo podcast ideato e condotto dalla cantautrice, che intervisterà donne e uomini con punti di vista differenti, facendosi rappresentante di una generazione che lotta contro gli stereotipi di genere, alla ricerca di nuovi spunti di riflessione.

Perché un uomo che scrive le sue canzoni è per tutti un cantautore, mentre una donna che scrive le sue canzoni per tutti è solo una cantante? 

Chi ha deciso che gli uomini si possono vestire solo di certi colori?

Perché le femmine non possono giocare a calcio o intendersi di sport? 

Chi ha stabilito che c’è un femminismo giusto e uno sbagliato?
Queste alcune delle tematiche che tratterà “MASCHIACCI – Per cosa lottano le donne oggi?” già disponibile su tutte le piattaforme di streaming e podcast, con l’obiettivo di capire, anche attraverso giochi e momenti di leggerezza, dove cade e perché esiste la linea di confine tra ciò che una femmina può e non può fare.

Inaugurato dalla chiacchierata con Matilda De Angelis e dopo aver debuttato al secondo posto tra i Podcast di tendenza di Spotify e al terzo posto nella classifica Apple Podcast, MASCHIACCI – Per cosa lottano le donne oggi?, torna oggi con un nuovo ospite, Carlotta Vagnoli, giornalista, attivista e sex columnist. L’incontro è un modo per parlare, tra gli altri temi, del tabù delle ciclo mestruale alle quali le donne sono da sempre educate. Perchè il ciclo va nascosto? Si parla anche di Tampon Tax e della triste realtà che vede ancora in Italia gli assorbenti femminili tassati al 22%, come un bene di lusso e non al 4%, come i beni di prima necessità.

Clicca qui per ascoltare l’episodio

Clicca qui per gli altri episodi di “Maschiacci”

No Comments

Leave a Reply